Elemento essenziale per la materia vivente, nell’organismo umano si trova in gran quantità nelle cartilagini, nel timo, nel fegato, nella milza, nel pancreas, nelle pareti vascolari, nelle ghiandole surrenali, nei tessuti.
Alla nascita la concentrazione di silicio organico ha un ruolo fondamentale per la crescita, l’equilibrio e la difesa dell’organismo; ma il Silicio organico si riduce, irreversibilmente, con l’invecchiamento; mentre l’apporto esogeno (alimenti e bevande) di silicio minerale non può essere trasformato in silicio organico.
Meccanismo d’azione
Riequilibratore ionico dell’organismo, essendo carico al massimo di ioni positivi e negativi, può intervenire a ristabilire la polarità alterata di cellule squilibrate, fornendo loro energia necessaria a lottare contro ogni tipo di aggressione.
Il silicio organico ha un’azione lipolitica, aumenta il glicerolo.
Azione antiossidante.
Impedisce la distruzione dell’elastina e del collageno e limita la perdita di tessuto connettivo, attiva gli enzimi di idrossilazione, che intervengono  nei legami crociati del collagene, responsabili della resistenza ed elasticità delle proteine fibrose.
Biocatalizzatore  di molteplici processi enzimatici,
Regolarizza, stimola il metabolismo e la divisione cellulare.
In particolare regola la mineralizzazione ossea, il silicio organico diminuisce il numero degli osteoclasti (cellule ossee responsabili del riassorbimento osseo) e aumenta il numero degli osteoblasti ( cell. ossee deputate alla neoformazione ossea).
Accelerazione dei processi di riparazione ossea post frattura per miglior captazione e deposito di Calcio.
Componente fondamentale della cartilagine articolare.
A livello della parete arteriosa il silicio è un componente importante, dopo cute e timo, l’aorta ha la maggior concentrazione di silicio, con l’invecchiamento, la perdita di silicio contribuisce alla sclerosi delle pareti  arteriose, favorendo l’insorgenza dell’ipertensione e concorrendo alla formazione di ateromi, inoltre il silicio si oppone all’ ossidazione delle LDL.

Tossicità: nessuna.

INDICAZIONI

Prevenzione dell’osteoporosi.
Accelerazione dei processi di riparazione ossea.
Prevenzione di accidenti cardio-vascolari.
Coadiuvante nel trattamento dell’ipertensione arteriosa.
Mantenimento del tono elastico cutaneo.
Rallentamento della caduta dei capelli.
Insufficienza venosa cronica.
Fragilità capillare.
Stati infiammatori.
Coadiuvante nella terapia dell’ulcera peptica.
Stress ossidativo e patologie correlate.

Controindicazioni
Nessuna

Questa voce è stata pubblicata in Kine-News e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>