di Sara Monticone

La quantità di erbari prodotta nel 1400 è grandissima: ne sono stati contati 193. In generale sono due gli atteggiamenti adottati negli erbari di questo periodo: o ripropongono le tradizioni iconografiche del passato nei libri che vanno sotto il titolo di Tractatus de herbis, (o nella sua versione francese le Livres des simples médecines) oppure c’è una nuova attenzione al mondo naturale, soprattutto nell’Italia del Nord, e in particolare nel Veneto.

Esiste però un tipo diverso di manoscritto che fa la sua apparizione nella zona del Veneto, viene detto alchemico, di cui esistono più di venti esemplari sui quali gli studiosi sono concordi, anche se potrebbero essercene molti di più. Il manoscritto alchemico più antico è della seconda metà del XIV secolo pur se la maggior parte di essi appartiene al XV secolo. Tutti presentano immagini che sono appiattite e schematiche, talvolta difficili da riconoscere ma sono ravvivate da un divertente animismo ancora tutto medievale.

É difficile individuare la tradizione iconografica da cui discendono le piante degli alchimisti, per lo più la loro origine è italiana, anche se alcuni manoscritti presentano glosse, ossia nomi di piante e parti scritte in lingue diverse. Sembra che questi erbari riflettessero le tradizioni popolari diffuse da erbaioli, speziali vaganti, ciarlatani, guaritrici che spesso cercavano di far fortuna nei mercati e ovunque ci fosse la possibilità di attirare persone curiose.

Il tipo di medicina seguito degli erbari alchemici discende da una cultura molto antica, per lo più trasmessa oralmente, non supportata da una teoria razionale e coerente della conoscenza medica e per questo detta demoiatrica. Essa comprende oltre a ricette stravaganti anche invocazioni, talismani e preghiere. In essi la religione è sempre legata alla medicina, sia in forma di pratiche popolari che in forme di fede più elevate. Infatti per tutte e tre le grandi religioni monoteiste dell’Occidente la guarigione è comunque opera divina.

La prima cosa che sorprende in un erbario alchemico, è la nomenclatura delle piante. I nomi sono piuttosto strani, hanno il sapore di una lingua inventata, come se facessero parte di una conoscenza riservata a pochi: le erbe però sono le stesse presenti negli erbari medici classici. A parte alcune variazioni regionali, i nomi sono sempre gli stessi, e lo stesso vale per le caratteristiche delle piante che vi sono disegnate.

Spesso è difficile capire come queste immagini abbiano avuto origine, come per l’erba teodoris o teodora, disegnata sempre con tre foglie che nascono da un rizoma: invariabilmente queste foglie sono colorate a scacchi e da esse dipartono due fiori. Si dice che l’erba risplenda nella notte e può apparire come un fantasma se non la si conosce.

L’erba lunaria possiede invece quindici foglie, ne perde una per ogni giorno di luna crescente e, se portata addosso, rende allegri e invisibili.

L’erba luccia è presente in due varietà, la “maggiore” e la “minore”, ed essa “richiama l’idea di luce e di lucente, e… per assonanza di nomi la si rappresenta inserendo un pesce luccio nella radice”.

I primi esempi di piante alchemiche si trovano già nel Codice di Giuliana Anicia del V sec., che contiene la Materia medica del Dioscoride: sono l’erba Gorgoneion, identificata con l’Eryngium maritimum, e la Mandragora, il cui nome latino è Mandragora officinarum, sinonimo di Mandragora vernalis, rappresentata in forma antropomorfa femminile e maschile. La differenza tra i due tipi di mandragora sarebbe dovuta alla forza dei suoi principi farmacologici. La sua raffigurazione antropomorfa ha origine nella cultura greco-romana, ma assume una particolare importanza nel mondo del pensiero ebraico cabalistico. La Mandragora avrebbe avuto origine da una polluzione notturna di Adamo sotto l’Albero del Bene e del Male: questo spiegherebbe i suoi poteri afrodisiaci e fecondanti. Anche nella Genesi (cap. XXX-14) Lea e Rachele hanno usato la pianta per tornare alla fertilità.

I manoscritti alchemici spesso esibiscono creature come draghi, diavoletti più o meno rassicuranti, serpentelli, un mondo dedito ad un immaginario fantastico che desidera farsi forte di aspetti ‘magici’ e ‘scientifici’ allo stesso tempo, disegnati e studiati per dominare gli aspetti più oscuri che l’umanità ha dovuto affrontare.

Bibliografia essenziale:

M. COLLINS, Medieval herbals.
The illustrative Tradition, London 2000.
S. TORESELLA, Gli erbari degli alchimisti, in L. SAGINATI (a cura di),
Arte farmaceutica e piante medicinali, Pisa 1996.

Questa voce è stata pubblicata in Kine-News e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>