di Luca Corradini, specializzando in Kinesiologia

Il corpo umano racchiude  in sé tutti gli elementi fisici, vibrazionali ed emotivi  che appartengono ai regni cosiddetti inferiori (minerale, vegetale, animale);  noi siamo  l’ultimo anello di una catena evolutiva e il nostro  organismo è composto, dal punto di vista chimico, da sostanze tipiche dei regni suddetti, con le  relative vibrazioni.

Le sostanze minerali che ci compongono sono definite oligoelementi: potassio, cloro, magnesio, calcio, fosforo, zinco, ferro, cromo, manganese, fluoro, iodio, rame, cobalto, selenio, zolfo sono alcune di esse, ed ognuna di queste sostanze emette una vibrazione specifica, che si manifesta sia all’esterno che all’interno del nostro corpo.

Il regno vegetale, sistema più complesso, comincia a sviluppare delle sensazioni interagendo con la luce e la temperatura, dando inizio al sistema riproduttivo dato da uno scambio indiretto tra fiore e fiore. Organizza al proprio interno  il sistema circolatorio della  linfa, traendo il proprio nutrimento dall’ aria, dalla luce, dalle sostanze chimiche minerali presenti nella terra.

Si dice che  l’uomo appartenga al regno animale e di fatto organicamente siamo simili, come è simile  l’ atto di procacciarsi il cibo, o gli  impulsi dettati dall’istinto, la parte intellettuale e la sensibilità sono la sostanziale differenza ( anche se non è una prerogativa scontata in tutti gli esseri umani).

Ora non voglio entrare in considerazioni astratte relative  all’anima, alla personalità e all’io, al pensiero, alla consapevolezza umana, ma  mi voglio agganciare a quanto detto per parlare di alimentazione.

Il cibo che noi abitualmente consumiamo è stato privato all’origine delle sue sostanze nutritive ed energetiche, oltre ad essere inquinato da sostanze chimiche altamente nocive. Considerando che da quando esiste il mondo la terra ha dato i suoi frutti senza l’intervento della chimica, ora sembra che non se ne possa fare a meno. L’ecosistema è altamente compromesso dall’uso di pesticidi, diserbanti, ecc.  Se volete leggere un libro molto interessante che parla di sperimentazioni fatte per riportare l’agricoltura alla sua origine e al suo equilibrio rispettando la natura, vi consiglio “La rivoluzione del filo di paglia” di Masanobu Fukuoka .

Soprattutto i giovani d’oggi si alimentano con surrogati, chimica pura! Sostanze che danno il gusto, il colore, l’odore, l’aspetto, hamburger derivanti da animali allevati con ormoni e antibiotici, animali  alimentati con farine animali (facendo diventare carnivori degli erbivori).

Che fatiche devono sopportare i corpi di questi ragazzi per compensare questo “delirio” alimentare?

Ogni uomo è un mondo a sé, avendo comunque delle caratteristiche di base comuni il nostro corpo ha bisogno di tutte le sostanze che in natura ci costituiscono, tenendo in considerazione il  fabbisogno individuale  dato dalla razza, dal clima, ed altre caratteristiche ambientali, oltre all’evoluzione personale che influenza fortemente l’alimentazione: con l’evoluzione aumenta la propria vibrazione individuale e conseguentemente si tollerano più facilmente alcuni alimenti rispetto ad altri, si tratta di un adattamento che accade spontaneamente.

In Kinesiologia abbiamo la possibilità di interrogare il corpo e di sapere in modo preciso quale alimento o supplemento ci necessita, se c’è una sostanza che provoca intolleranza, se l’intolleranza e data dalla quantità, o se  è nascosta e se ne siamo dipendenti.

Possiamo sapere se un alimento ci influenza a livello energetico, o emotivo; se una sostanza ci disidrata o se il nostro organismo necessita di acqua, un elemento importantissimo per noi:  è il conduttore che trasporta  l’energia nel corpo, a volte il mal di schiena che ci portiamo dietro da anni può essere dovuto alla carenza di acqua.

È lecito chiedersi quale attinenza possa avere l’acqua col mal di schiena…  In kinesiologia sappiamo che la mancanza di acqua influenza negativamente il Rene; il muscolo che è direttamente collegato al rene è lo Psoas, che ha origine dalla dodicesima vertebra toracica, dalle sottostanti quattro vertebre lombari e dai corpi e processi costiformi di tutte le vertebre lombari.

Se da noi giunge una persona che lamenta mal di schiena e dai test primari rileviamo mancanza di acqua, e se il test al rene tramite lo psoas è rilevante significa che la mancanza del liquido indebolisce il rene, che a sua volta indebolisce lo psoas che avendo la sua origine nella parte lombare della schiena non mantiene in trazione la curva fisiologica lombare, fissando o sub lussando le vertebre. Ed ecco il mal di schiena!

L’opportunità di apprendere dà il senso alla vita , l’apertura mentale e la curiosità  ne sono il propulsore.

Questa voce è stata pubblicata in Kine-News e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

One Response to Alimentazione

  1. Roberto scrive:

    La salute passa dall’alimentazione sana e dalla buona attività fisica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>